Pubblicato il

Carboidrati… o Grassi?

Carboidrati

Tutta la pubblicità di prodotti alimentari si concentra oggi sul contenuto in grassi: slogan e nomi commerciali puntano a farci sapere che la quantità di grassi contenuta in un determinato alimento è ridotta rispetto a prima o prossima allo zero.

Questo è utile, ma… la quantità di grasso corrisponde davvero alla “salutarità” di un alimento? E’ l’unico parametro da considerare? E’ il grasso che mangiamo a farci ingrassare? O forse c’è dell’altro?

Spesso per poter eliminare il grasso e mantenere il sapore gradevole, quello che i produttori fanno è aumentare lo zucchero. Praticamente tutti i prodotti alimentari industriali contengono zuccheri aggiunti…

Questa onnipresenza di zucheri e carboidrati è fra i responsabili della tendenza a ingrassare, ed è collegabile anche al diffondersi di tante malattie del nostro tempo, quali il diabete e le malattie cardiocircolatorie.

Vediamo come.

Depositi di GrassoIl nostro corpo ha una capacità limitata di immagazzinare un eccesso di carboidrati. Questa è una delle ragioni per cui dopo l’assunzione di carboidrati i livelli di zucchero nel sangue si innalzano. Uno dei modi con cui il corpo risolve il problema di elevati livelli ematici di zuccheri è quello di trasformarli in grasso e archiviarlo prevalentemente nell’addome.  Il meccanismo è questo: tutto lo zucchero non immediatamente utilizzato viene immagazzinato sotto forma di glicogeno (catena di varie molecole di glucosio collegate l’una all’altra) nei due “magazzini” a disposizione, il fegato e i muscoli. Appena i livelli di glicogeno nei magazzini raggiungono il massimo, il resto dello zucchero presente nel sangue viene trasformato e archiviato come grasso nel tessuto adiposo.

Quindi, nonostante i carboidrati siano privi di grasso, in realtà vengono trasformati in grasso. I carboidrati, provenienti da cereali raffinati, sono in realtà “zucchero” e poi diventano “grasso”.

Ma questo non è tutto! Ogni pasto o spuntino ricco di carboidrati provoca un rapido aumento del glucosio ematico. Per contrastare questo pericoloso “picco” il pancreas produce insulina. L’insulina è un ormone che serve a immagazzinare l’eccesso di carboidrati sotto forma di grasso, per future necessità energetiche. Quindi a conti fatti, l’insulina coopera all’accumulo del grasso corporeo.

CarboidratiIn altre parole, ogni volta che mangi zucchero, pane, pasta o altri prodotti a base di cereali, stai inviando un messaggio ormonale al tuo corpo che dice: immagazzina altro grasso!

Questo è un naturale meccanismo protettivo, utilissimo in circostanze di scarsità di calorie: serve a garantire la sopravvivenza accumulando scorte energetiche per eventuali “carestie”… situazioni però piuttosto lontane dal nostro stile di vita che, anzi, tende a fornirci costantemente un eccesso di calorie…

Inoltre, alti livelli di insulina:
– Rendono praticamente impossibile l’uso dei grassi immagazzinati per produrre energia;
– Inibiscono la produzione di altri 2 ormoni: il glucagone (che regola la produzione di energia bruciando grassi e zuccheri) e l’Ormone della Crescita (che recola la crescita e lo sviluppo delle masse muscolari);
– Aumentano il senso di Fame: abbassando repentinamente il livello di zucchero nel sangue, dopo un paio di ore dal pasto il corpo ci chiede nuovamente di immettere carboidrati per rialzarne il livello.

Quindi, l’eccesso di carboidrati nella dieta ti fa ingrassare… ma anche ti garantisce di poter rimanere grasso!

Pasto BilanciatoIn base a quanto detto, è decisamente utile, in generale per la nostra salute e soprattutto nel caso desideriamo perdere peso, limitare il consumo di carboidrati provenienti da zuccheri semplici e cereali (pasta, pane, riso e altri cereali o farine).
Per quanto riguarda i carboidrati presenti nelle verdure, non hanno questa spiccata tendenza ad essere trasformati in grasso, soprattutto in quanto la velicità di assorbimento è più lenta (per la presenza di grandi quantità di fibre) e non provocano il picco di glucosio nel sangue.

Limitare, non vuol dire eliminare: ricordiamoci sempre che la nostra dieta deve essere varia ed equilibrata. Ogni pasto deve contenere tutti i nutrienti di cui abbiamo bisogno, carboidrati compresi. L’importante è includerli nella dieta quotidiana nella giusta proporzione e quantità.

Buon Benessere!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *